Passa ai contenuti principali

Sali o Scendi ?


Mentre me ne sto qui con il mio caffè rigorosamente zuccherato, ripenso a quello che mi è successo ieri per caso mentre facevo la spesa. Ero di fretta, sono spesso di fretta e in ritardo. Cerco di allungarmi stirandomi  il più possibile per prendere i Cheerios nell'ultimo scaffale della quarta corsia sempre troppo alto per me, quando urto un signore sulla settantina e cado giù con i cheerios in braccio. Lui se ne stava li, tranquillo e come se niente fosse mi dice “mi dispiace”. Ma non era colpa sua. Lui andava molto lentamente e sembrava avesse a disposizione tutto il pomeriggio per fare la sua spesa, ero io quella frenetica e con i minuti contati. Ecco qua che quando cerco di fare le cose di corsa non so come mai ma ci metto il doppio del tempo che se le avessi fatte normalmente. E’ una specie di maledizione, non so se vi capita mai. Corriamo come dei pazzi dalla mattina alla sera, a volte ci fermiamo solo perché urtiamo qualcosa o qualcuno. Ma chi va veramente più veloce chi corre freneticamente o chi si prende tutto il tempo che gli serve ? Accelerando le azoni a volte si perdono i pensieri perché dobbiamo essere concentratissimi in quei 13 minuti che abbiamo per fare la spesa o farci la doccia per cambiarci e riuscire. Non possiamo pensare o riflettere su come è andata la mattinata se dobbiamo pensare a cosa cucinare la sera. In questo caso c’è proprio da dire: dobbiamo rivedere le nostre priorità. A volte vado talmente veloce che quando mi fermo mi sembra di stare ancora correndo. Però quel momento è magico. Puoi chiudere gli occhi lunga sul divano con la sensazione di leggerezza data dalla doccia appena fatta e finalmente sai che puoi stare. Stare lì e non fare niente o fare qualcosa pensando solo a quello che stai facendo. Cioè niente. Ma dai, è praticamente impossibile non pensare completamente a niente. Ci avete mai provato a dire “ora mi metto li e non penso a niente”. Due minuti dopo mi vengono in mente 7000 cose che non ho fatto o che vorrei fare. La cosa migliore credo sia prendersi cura di un pensiero. Prenderne uno soltanto ed accudirlo, assecondarlo. Ascoltare cosa vuole. Trasformarlo in qualcosa di più di un pensiero così da lasciarlo libero. E una volta liberato se ne forma un altro che a quel punto ha tutta la nostra attenzione e comprensione. Siamo pronti a riprendere il ritmo, a portare un po’ di quella sensazione profondamente piacevole in tutto quello che faremo. E’ come se avessimo per un momento preso l’ascensore dentro di noi fino al -2 dove nessuno può arrivare e da li avessimo preso una chiave segreta da utilizzare al piano 0 da dove siamo soliti partire. E’ una discesa e risalita necessaria, una sensazione di piacere e leggerezza che non ha eguali. Consigliato una volta al giorno, prima o dopo i pasti o quando credete voi che il vostro ascensore sia libero e funzionante.

Commenti

Post popolari in questo blog

Calamità Innaturali

Non mi piace molto correre, ma quando mi sveglio in giornate come queste l’unica cosa da fare è correre senza tempo, senza cellulare, senza voglia ma con tutta la forza possibile verso una meta non identificata. Non sono triste e neppure arrabbiata direi. Ma ho un velo di stranezza e propensione all’irritabilità. Davvero, sono positiva, ma sento che se il barista non mi farà il caffè esattamente come lo vorrei in questo momento, potrei creare un problema anche se mi chiedesse scusa. Non è grave, mi capita raramente, ma quando capita statemi lontano! Non so bene da cosa dipenda. Se dal fatto che fuori piova anzi che ci sia una vera e propria catastrofe naturale, o dal fatto che la temperatura è molto strana e io ho sempre con me davvero troppe maglie e soprabiti per paura di avere freddo o caldo, o dal fatto che sto aspettando mille risposte a mille domande che nessuno conosce, o ancora dal fatto che il mio tostapane questa mattina ha deciso di non funzionare e addio pane tostato mattu…

In equilibrio, tardi o presto.

Oggi sono in una di quelle giornate in cui mi faccio mille domande a cui davvero non so trovare risposte. Mi sono svegliata credendo che tutto quello che avevo intorno fosse completamente nuovo, ma vi assicuro che non lo era affatto. Anzi ero circondata dalle mie più affettuose, sane e profonde abitudini. Più che mai sentivo di averne bisogno. Più che mai volevo aggrapparmi ad esse come un koala impaurito. Forse perché dentro di me sapevo che di lì a poco le avrei cambiate. Non tutte, ma una buona parte. A volte siamo talmente convinti di avere bisogno di una cosa che troviamo il modo di non riuscire a farne a meno. E’ una specie di legge fisica: ‘pensa più che puoi di averne bisogno fino a convincertene’. Non c’è medicina che possa curare questa patologia di un disperato bisogno di ascoltare la nostra momentanea necessità. Può trattarsi di una camminata a piedi scalzi, di un bicchiere di vino, di un caffè bollente al vetro, di un abbraccio, di un bacio, di una mamma, di un papà, di c…

Vivere slow, o quasi

Molte volte credi di andare piano ma poi ti dimentichi qualcosa ? Spesso arrivi la sera senza esserti accorta/o che sei uscita con un paio di scarpe invece di un altro ? Vorresti goderti quel caffè, ma hai la testa che sta già pensando a cosa devi fare quando sarà finito? Lo so, capita. Non sei né banale, né esaurito, ma solo abituato a vivere intensamente, diciamo. Le giornate passano e rimandi quello che vorresti fare dedicandoti a quello che ‘devi’ fare, senza troppa voglia. Ti trascini la tua routine e i tuoi doveri con forza e un po’ di pesantezza, “tanto pesto arriverà il weekend, o le vacanze”.  Cari amici, forse dobbiamo fare qualcosa. Io a volte mi sento come se non facessi abbastanza, come se quel momento preciso avrei potuto godermelo molto di più. Come si fa? Risposta : vivere slow. Molti ne parlano, non è una grande scoperta in realtà, solo che formando questo mix tra parola italiana e parola inglese, sembra più efficace e d’effetto. Vivere slow significa prendere un resp…