Passa ai contenuti principali

Autunno a colazione


Cadono le prime foglie, me ne sono accorta mentre correvo da una parte all’altra della città per prendere l’autobus che costantemente perdo e riperdo. Proprio davanti a me eccolo lì il primo segno dell’autunno. Il primo segno che mi suggerisce di fare il cambio stagione e di mettere i costumi e tutti quei bei vestitini leggerissimi dentro una bella scatola chiusa. Le foglie hanno un bellissimo colore, anzi uno dei miei preferiti: color mattone, ma in quel momento quello che la foglia mi stava dicendo era palesemente “ragazza mentre tu corri qualcosa di te passa come è appena passata l’estate”. Mannaggia, fino a quel momento andava tutto bene e non mi pesava neppure allacciare la scarpa dopo mesi di sandali. Ed invece lei, quella maledetta foglia mi ha dovuto ricordare che sì, passano le stagioni e con loro qualcosa se ne va. Forse il suo vero scopo era quello di pormi di fronte all’inevitabile domanda: con le stagioni passa anche un pezzo di noi che si trasformerà in qualcos’altro ? Quante stagioni abbiamo realmente noi, che non sono ancora state riconosciute come tali? Mentre mi pongo queste domande mi vengono in mente tutti quei vestiti della stagione passata che quest’anno non ho utilizzato, tutte le idee che ho cambiato, le relazioni che ho avuto, i traslochi che ho subito, le chiavi che ho perso. All’improvviso tutte insieme le mie stagioni lì davanti ai miei occhi chiare come non mai. Quella che ero l’estate scorsa non c’era più , quella che sarò in questo autunno che arriva non la conosco ancora. Una foglia può solo alle 10 del mattino scaraventarmi in faccia che noi viviamo molte più stagioni di quello che sappiamo ? Evidentemente sì. Così insieme al maglioncino adesso indossavo anche una scomodissima consapevolezza e con questa ho passeggiato per diversi isolati. Abbiamo salpato diverse navi in effetti, tante ere che ora sono tramontate, tante momenti meravigliosi o no che ora sono storie affascinanti. Prima correvamo per andare a scuola, ora per prendere un autobus, prima eravamo solo fratelli e sorelle ora siamo anche zie e zii, prima cambiavamo solo il nostro outfit ora qualcuno anche i pannolini. Prima non potevamo fare a meno di casa nostra, ora abbiamo costruito la nostra tana anche altrove, abbiamo cambiato città, lavoro, lingua, prima ci piaceva stringere le mani ora spesso e volentieri stringiamo un cellulare. Prima non avevamo il coraggio di essere quello che siamo, ora lo siamo e abbiamo coraggio da vendere. Prima fumavamo, ora abbiamo dovuto smettere, prima eravamo liberi di girare nudi per casa, ora forse dobbiamo pensarci un po’. Prima avremmo letto questo articolo pensando di essere già grandi, ora ci sentiamo più piccoli che mai. Non ho mai capito come cavolo fanno a muoversi così velocemente le nuvole, ma ho sempre saputo dentro di me che anche io mi muovevo con loro, e devo dire che in fondo questa cosa mi piace. Ogni epoca ha i suoi usi e costumi, ogni stagione i suoi colori, ogni ragazza alle 10 del mattino le sue foglie da raccogliere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Calamità Innaturali

Non mi piace molto correre, ma quando mi sveglio in giornate come queste l’unica cosa da fare è correre senza tempo, senza cellulare, senza voglia ma con tutta la forza possibile verso una meta non identificata. Non sono triste e neppure arrabbiata direi. Ma ho un velo di stranezza e propensione all’irritabilità. Davvero, sono positiva, ma sento che se il barista non mi farà il caffè esattamente come lo vorrei in questo momento, potrei creare un problema anche se mi chiedesse scusa. Non è grave, mi capita raramente, ma quando capita statemi lontano! Non so bene da cosa dipenda. Se dal fatto che fuori piova anzi che ci sia una vera e propria catastrofe naturale, o dal fatto che la temperatura è molto strana e io ho sempre con me davvero troppe maglie e soprabiti per paura di avere freddo o caldo, o dal fatto che sto aspettando mille risposte a mille domande che nessuno conosce, o ancora dal fatto che il mio tostapane questa mattina ha deciso di non funzionare e addio pane tostato mattu…

Vivere slow, o quasi

Molte volte credi di andare piano ma poi ti dimentichi qualcosa ? Spesso arrivi la sera senza esserti accorta/o che sei uscita con un paio di scarpe invece di un altro ? Vorresti goderti quel caffè, ma hai la testa che sta già pensando a cosa devi fare quando sarà finito? Lo so, capita. Non sei né banale, né esaurito, ma solo abituato a vivere intensamente, diciamo. Le giornate passano e rimandi quello che vorresti fare dedicandoti a quello che ‘devi’ fare, senza troppa voglia. Ti trascini la tua routine e i tuoi doveri con forza e un po’ di pesantezza, “tanto pesto arriverà il weekend, o le vacanze”.  Cari amici, forse dobbiamo fare qualcosa. Io a volte mi sento come se non facessi abbastanza, come se quel momento preciso avrei potuto godermelo molto di più. Come si fa? Risposta : vivere slow. Molti ne parlano, non è una grande scoperta in realtà, solo che formando questo mix tra parola italiana e parola inglese, sembra più efficace e d’effetto. Vivere slow significa prendere un resp…

La Favola

Ho vissuto un sogno senza chiudere gli occhi. Avevo anzi gli occhi ben vigili, lo sguardo attento, adrenalina in corpo, tanto amore, tanta paura. Quella paura che non si può placare, non si può alleviare e nemmeno evitare. Ho partecipato come protagonista al film di tante altre persone, per una notte. Non so se vi capita mai o se vi è capitato di aver vissuto una favola. Un giorno ti svegli e senza troppo esserne cosciente e preparata ti trovi in mezzo a tutto quello che finora hai visto solo sul giornale o al cinema. Sapete, ora vorrete cercare di intuire cosa mi è accaduto, ma non è questo il punto. Non è la cosa più importante, né il fulcro di queste mie righe. Quello che vi rimarrà impresso sarà invece il mio entusiasmo, il mio folle amore per la vita, la mia complicata storia di vicissitudini improbabili ed incredibili emozioni forti. Ognuno di noi ha la sua favola ideale in mente e come dice Vivian in “pretty woman” al nostro strafigo di Richard Gere “Voglio la favola Edward”, c…